top of page
  • Immagine del redattoreRiccardo Marchesini

Quadro Macroeconomico




Il conflitto in Ucraina ha modificato molto celermente il clima generale che si stava strutturando sui mercati finanziari tra gennaio e febbraio. Se le attese nel primo mese e mezzo erano tutte volte verso un rapido restringimento dei supporti monetari, lo scoppio della guerra ha spinto alla maggiore prudenza i comitati esecutivi delle principali Banche Centrali, con l’obiettivo di fronteggiare un’ulteriore spinta alla de-globalizzazione e alla contrazione dei commerci internazionali.


Confrontando le attese implicite di rialzo dei tassi della Federal Reserve si osserva un netto cambio di rotta da metà febbraio in poi. Se dopo l’impennata di fine dello scorso anno il numero complessivo di rialzi stimati per il 2022 è passato da uno a sei, ora le attese del mercato si sono contratte a cinque potenziali rialzi. Tali rialzi sono per lo più previsti per la seconda metà dell’anno, ipotizzando probabilmente per quel periodo il termine del conflitto.


La guerra arriva, ad ogni modo, in un momento difficile e colpisce sul piano economico soprattutto le aziende europee dipendenti dalle forniture di gas russo. Gli incrementi delle materie prime energetiche stanno contagiando tutte le altre materie prime, in difficoltà anche a causa dei vincoli imposti dalla occupazione russa di alcuni porti e tratte importanti nella catena di distribuzione. Il tutto si traduce in aspettative di inflazione in netta ripresa soprattutto nel Vecchio Continente. Nel momento in cui si scrive le aspettative di inflazione ad un anno in Europa sono superiori al 5% e, in particolare, sono superiori al dato statunitense. Non considerando i giorni turbolenti del Covid si deve tornare indietro al 2013 per trovare delle aspettative di inflazione più elevate in Europa rispetto agli Stati Uniti.


La guerra ha un fronte aperto anche sul settore finanziario. L’esclusione di alcune delle principali banche russe dallo SWIFT e il livello ancora acerbo di sistemi di pagamenti alternativi ha spinto, secondo alcuni, l’utilizzo di Bitcoin tra i cittadini russi. Valutando i dati, effettivamente si nota un incremento del +27% di transazioni per giorno nel periodo tra il 27 febbraio e il 3 marzo, rispetto al periodo precedente. Sarà interessante comprendere se l’incremento si consoliderà riportando il numero di transazioni sui livelli toccati nel 2019 e nel 2020, ben superiori rispetto alla media che si è registrata nell’ultimo anno.


RACCOMANDAZIONI GENERALI

Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell’arte delle conoscenze e delle tecnologie. Il presente documento non è da considerarsi esaustivo ma ha solo scopi informativi. La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio. Le informazioni ed ogni altro parere resi nel presente documento sono riferiti alla data di redazione del medesimo e possono essere soggetti a modifiche. Riccardo Marchesini non deve essere ritenuto responsabile per eventuali danni, derivanti anche da imprecisioni e/o errori, che possano derivare all’utente e/o a terzi dall’uso dei dati contenuti nel presente documento. Riccardo Marchesini non assume responsabilità in merito al trattamento fiscale degli strumenti illustrati. I pareri espressi da Riccardo Marchesini prescindono da qualsiasi valutazione del profilo di rischio e/o di adeguatezza e sono da intendersi come “Ricerche in Materia di Investimenti” ai sensi dell’art. 27 del Regolamento congiunto Consob e Banca Italia del 29 ottobre 2007 redatte a titolo esclusivamente informativo e non costituiscono in alcun modo prestazione di un servizio di consulenza in materia di investimenti, il quale richiede obbligatoriamente un’analisi delle esigenze finanziarie e del profilo di rischio specifici del singolo utente/cliente, né costituiscono un servizio di sollecitazione in genere all’investimento in strumenti finanziari. Nel caso in cui l’utente intenda effettuare qualsiasi operazione è opportuno che non basi le sue scelte esclusivamente sulle informazioni indicate nel presente documento, ma dovrà considerare la rilevanza delle informazioni ai fini delle proprie decisioni, alla luce dei propri obiettivi di investimento, della propria esperienza, delle proprie risorse finanziarie e operative e di qualsiasi altra circostanza.





Comments


Commenting has been turned off.

Sedi.

Verona

Vicenza

Brescia

Milano

Finward.

Tel: (+39) 045 46 09 467 

Tel: (+39) 02 8088 8641

Whatsapp: (+39) 366 2140813

informazioni@finward.it

Servizi.

Consulenza per investimenti

Pianificazione finanziaria

Analisi finanziaria indipendente

Pianificazione previdenziale

Seguici.

  • LinkedIn
  • Instagram
  • Facebook
bottom of page