top of page
  • Immagine del redattoreFINWARD

Outlook Mercati Finanziari



Inizio anno con partenza positiva.

I temi del 2022 continuano a ripresentarsi anche in questo inizio di nuovo anno. La dinamica settimanale, infatti, presenta molti dei protagonisti del ‘film’ visto l’anno scorso, con i mercati desiderosi di archiviare un anno nero per i rendimenti azionari e obbligazionari, e avviare un recupero di quanto perso nel 2022. La sensazione è infatti di listini pronti a scattare non appena si presentino alcune condizioni chiave per una ripartenza.


Finora, i tentativi sono andati tendenzialmente a vuoto: sia i rally di agosto che quello di ottobre scorsi sono stati seguiti da altrettanti ritracciamenti, colpa soprattutto, non tanto dei dati macro, ma della rigidità delle banche centrali, poco inclini a cambiare traiettoria nelle loro politiche e timorose di finire ‘troppo presto’ il loro lavoro, vanificando quanto fatto finora con la fase di restrizione monetaria in corso.

Dal punto di vista dei dati macroeconomici: l’inflazione è in fase di svolta verso il basso e la conferma arriva da quanto rilasciato nell’Eurozona, con valori in contrazione per Francia, Germania e (se pur in tono minore) anche per l’Italia.

Certo, i valori anno su anno, restano alti, ma almeno su questo aspetto il mercato può rasserenarsi.

Dove vi è meno univocità negli andamenti è sul piano prettamente economico: i dati sul mercato del lavoro USA mostrano ancora una buona tonicità (disoccupazione in calo al 3,5%), fattore che potrebbe non essere gradito da parte della Fed.

La FED ritiene che se non si evidenzia qualche debolezza, sarà difficile pensare ad una estirpazione definitiva del fenomeno inflattivo.

La dinamica dei mercati, in queste prime settimane dell’anno, ha visto diversi cambi di direzione: una prima corsa in avanti degli indici, il raffreddamento degli entusiasmi dopo il rilascio dei verbali dell’ultimo meeting Fed, ma anche una chiusura finale con un nuovo bel balzo in avanti.


Il mercato americano continua, comunque, a temere la Fed: il rilascio dei verbali della Fed del meeting di dicembre mostrano una banca centrale che da un lato propone la ‘carota’ agli investitori (i rialzi saranno più graduali), ma dall’altro ammonisce sulle corse in avanti sul resto dell’anno, mostrando quasi fastidio nel vedere rialzi delle borse o degli indici obbligazionari.

Tonica invece l’Europa, che si vede destinataria di flussi di capitali in entrata, nonostante anche la BCE sia in fase restrittiva, ma la composizione più value, pone il Vecchio Continente un po' più al riparo in questa fase.

Settorialmente, ottimi segni positivi per i ciclici (Materials, Financials, Beni discrezionali) mentre hanno arrancato difensivi come l’Health e i Tecnologici.

Prima settimana positiva anche per l’obbligazionario dopo una seconda metà di dicembre (post meeting di BCE e FED) difficile per gli investitori. Soprattutto nell’Eurozona si sono visti cali nei rendimenti, sia sulla parte a breve che a medio lungo della curva.


Sul fronte delle attese sui tassi di interesse, si confermano i top in area 5% per la Fed e del 3,5% - 4% per la BCE. Da sottolineare come il mercato sia più ‘ottimista’ sulla successiva inversione, credendo ancora poco alla durezza di BCE e FED: non si andrà più in alto di certi livelli e poi presumibilmente si ritornerà sui propri passi.


Andamento dei principali settori di investimento degli ultimi 4 anni



RACCOMANDAZIONI GENERALI

Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell’arte delle conoscenze e delle tecnologie. Il presente documento non è da considerarsi esaustivo ma ha solo scopi informativi. La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio. Le informazioni ed ogni altro parere resi nel presente documento sono riferiti alla data di redazione del medesimo e possono essere soggetti a modifiche. Riccardo Marchesini non deve essere ritenuto responsabile per eventuali danni, derivanti anche da imprecisioni e/o errori, che possano derivare all’utente e/o a terzi dall’uso dei dati contenuti nel presente documento. Riccardo Marchesini non assume responsabilità in merito al trattamento fiscale degli strumenti illustrati. I pareri espressi da Riccardo Marchesini prescindono da qualsiasi valutazione del profilo di rischio e/o di adeguatezza e sono da intendersi come “Ricerche in Materia di Investimenti” ai sensi dell’art. 27 del Regolamento congiunto Consob e Banca Italia del 29 ottobre 2007 redatte a titolo esclusivamente informativo e non costituiscono in alcun modo prestazione di un servizio di consulenza in materia di investimenti, il quale richiede obbligatoriamente un’analisi delle esigenze finanziarie e del profilo di rischio specifici del singolo utente/cliente, né costituiscono un servizio di sollecitazione in genere all’investimento in strumenti finanziari. Nel caso in cui l’utente intenda effettuare qualsiasi operazione è opportuno che non basi le sue scelte esclusivamente sulle informazioni indicate nel presente documento, ma dovrà considerare la rilevanza delle informazioni ai fini delle proprie decisioni, alla luce dei propri obiettivi di investimento, della propria esperienza, delle proprie risorse finanziarie e operative e di qualsiasi altra circostanza.

Commentaires


Sedi.

VERONA - Sede operativa

Via Polda 2, Bussolengo

VICENZA

Via del Commercio 56

BRESCIA

Via Fratelli Ugoni 36

MILANO

Via Filippo Turati 30

Recapiti telefonici.

Tel: (+39) 045 46 09 467 

Tel: (+39) 02 8088 8641

Whatsapp: (+39) 366 2140813

informazioni@finward.it

Servizi.

Consulenza per investimenti

Pianificazione finanziaria

Analisi finanziaria indipendente

Pianificazione previdenziale

Seguici.

  • LinkedIn
  • Instagram
  • Facebook
bottom of page